L'orto dei semplici

Come ottenere un orto verticale fai da te

    Un orto verticale? Che cos’è?
    Semplicemente un orto ottenuto nella vostra terrazza.

    “Beata te che hai un pezzo di terra” “Se avessi anche io un pezzo di terra” oppure ancora “Per ottenere della buona verdura ci vuole un pezzo di terra”.
    L’ultima affermazione è la peggiore. Non esiste scusa più falsa.

    ?pn=6372

    Per ottenere delle buone verdure a costo minimo serve solo impegno, volontà e costanza.
    Occuparsene non è facile lo ammetto.

    L’autoproduzione è iniziata quando ancora vivevo da sola. Fino a qualche hanno fa non se parlava molto.
    Ma con con l’avvento dell’ultima crisi econimica in molti è nata la necessità di iniziare ad affrontare la quotidianità con più attenzione e parsimonia.
    Si cercava di fare economia su articoli della spesa che fino a qualche mese prima avevano un peso invisibile sul budget finale.

    Non avevo un pezzo di terra. Ma ho cercato di coltivare alcuni prodotti essenziali, come: prezzemolo, basilico, pomodorini, e piccole verdure.

    Quali sono i vantaggi di poter avere un orto verticale nelle vostre case, sulle vostre terrazze?

    a) Siamo ciò che mangiamo
    Avere un orto verticale, ci permette di avere una maggiore consapevolezza rispetto a ciò che portiamo sulle nostre tavole.
    La verdura è uno degli alimenti principali per gli enormi benefici che portano al nostro corpo.
    Sali minerali, vitamine e idratazione sono solo alcuni.
    Richiederà solo un pò di impegno all’inizio, ma grazie alla vostra costanza riuscirete ad ottenere ottime verdure per voi e i vostri cari.

    orto verticale
    Le verdure del tuo orto verticale


    b) Riqualificazione a livello ambientale

    In particolare su realtà ad alta intensità urbana, tra ritmi frenetici e sepolti da cemento.
    Avrete il merito di avre creato dei spazi verdi nella vostra città.
    Non sottovalutate questo aspetto. Pensate se in futuro i vostri vicini prendessero il vostro esempio.
    Poi il vicino del vostro vicino e così via.
    Riuscite ad immaginare il risultato??

    c)Soddisfazione personale.

    autoproduzione
    Autoproduzione

    Quindi come si crea un orto urbano?
    Con un pò di ingegno, un pizzico di creatività e buona volonta!
    Il primo passo è: valutare gli spazi.
    Quali spazi avete a disposizione?
    Poniamo sia una terrazza minuscola. Tipo un metro per un metro.
    Iniziate col pensare di cosa vi piacerebbe avere cura.
    Io iniziarei da piccole cose. Starei sul classico: basilico o pomodorini.
    Partite con l’idea di dedicare mezz’ora al giorno.

    Ora carta e penna: passiamo alla parte pratica!

    Come progettare un orto verticale fai da te in casa?

    Di quali materiali avete bisogno?
    1) Una struttura.
    Per piante aromatiche e piccole verdure consiglio una struttura a rotelle.
    O potete sbizzarrivi con i materiali di riciclo. Senza perdere troppo tempo le bottiglie di plastiche andranno benissimo.

    Breve DYA in merito.

    Quale della Coca-Cola, le ho trovate tra le più capienti. Lavatele per bene. Avvitate il tappo. Non buttatelo via. Disponetelo in verticale appunto.
    Tagliate la parte superiore così da creare l’area dove crescerà la vostra piantina.
    Io avevo deciso di utilizzare una delle due pareti della terrazza.
    Potreste anche decidere di dargli colore così che diventi persino più cool!
    Poi con trappano e viti andranno appese in verticale. Qui avrete bisogno di vostro padre o vostro marito, coinvolgete anche loro! Disponetele come meglio vi aggrada!

    2)Quale e quanta terra serve?
    Sopratutto quando si muovono i primi passi l’ideale è sempre recarsi nel vivaio pià vicino.
    Li troverete persone qualificate che vi sappranno consigliare.
    A seconda di quale piantina desiderate far crescere, la terra da utilizzare sarà diversa e diversamente concimata.

    Visita dal vivaista
    Visita dal vivaista

    3)Quand’è il momento migliore?
    Dipende! Dipende da ciò che volete far crescere.

    Io preparo la terrazza non appena sento i primi tepori: da fine febbraio a metà marzo. Non appena finiscono le gelate notturne. Perciò tenete sotto controllo il tempo. Poi quando vi sembrerà il momento, iniziate pure preparando la terrazza come abbiamo appena visto.

    4) Servono altri “attrezzi”?
    Tolti i miei guantini da giardinaggio che ritento super-fashion… niente altro!

    Effetto Serra
    Effetto Serra

    “Conserva e tratta il cibo come se fosse il tuo corpo, ricordando che nel tempo il cibo sarà il tuo corpo. (BW Richardson)”

    Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

    3 thoughts on “Come ottenere un orto verticale fai da te

    1. È il mio sogno ci provo tutti gli anni ma poi essendo una persona incostante ai primi problemi mollo. Avevo piantato anche dell’insalatina e dei pomodorini in vaso. Devo dire che raccogliere le proprie produzioni dà grande soddisfazione.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *