fuori programma, staycation ideas for kids

Noiosa sera d’estate? Sagra! Alla scoperta di nuovi party on stage! – Staycation #4

    Immaginiate una noiosa sera d’estate, fresca come non se ne sentono da settimane, in un paesino della bassa veronese stile “Stars Hollow” della serie #unamammaperamica.
    Voci di corridoio mi parlano di una delle pittoresche sagre organizzate dal comitato di volontari (unico in peaese) che ha organizzato una serata “danzante” nel  parco giochi di cui si occupa l’associazione  (lo stesso parco dove mia figlia trascorre tutti i sabato pomeriggio), gli stessi che egreggiamente si impegnanano  a 360° della sua cura per tutto l’anno. Dei grandi!

     (immagini: scattate da me)
    La serata prevente DJ con musica Revaivol, ma.. sopratutto… cucina con piatti tipici locali!
    “E CHE CI VENGO A FARE SE NON PER QUESTO!!”
    Nemmeno il tempo di accendere la mia macchinetta e che lei senta l’odore della benzina che siamo già arrivate.
    (immagini: scattate da me)
    Il parco pullula già di gente quanto di zanzare, che nel giro di mezz’ora si moltiplicano, dettando la tendenza per tutta la serata. 
    Ma io e Bia oggi ci siamo cosparse di Off. Per le zanzarobestie almeno per questa notte.. sarà una battaglia persa.
    Bia è già sullo scivolo! Per lei ogni volta è come visitare il paese dei balocchi.. ma si sa, di sera ha tutto un altro sapore, soprattutto se come per lei è la prima volta.
    Io mi dò un occhiata in giro, la cassiera mi riconosce.. “due risotti con il tastal.. Grazie!”
    (immagini: scattate da me)
    Ahhhh.. il risotto con il tastasal… delizia per il palato… 
    Signori e Signore: il risotto con il tastasal è uno dei piatti regionali per eccellenza, un classico delle locali sagre di paese.. se passate in qualsiasi paesino o borgo del Veneto non potete non chiederne un assaggio.
    Per alcuni diventa persino un’occasione per far conoscere la loro azienda, ciò che con dedizione e amore producono, e mi parlano del lavoro che con amore svolgono da anni.
     (immagini: scattate da me)

    Ma la mia anima sarda ancora una volta si fa sentire… come un rugito… e mi aspetto che da qualche parte ed all’improvviso la serata assuma connotati più “tribali”.
    Grazie ad una tradizione contadina molto radicata e distante dalla mia, qui rimane tutto molto più essenziale, ma che è stata comunque in grado di regalarci un momento di assoluto relax.
    Le vostre vacanze a che punto sono??
    Quanti di voi hanno avuto l’occasione di conoscere o prendere parte ad un momento come questo?
    Quanti di voi hanno la mentalità abbastanza aperta per non definirlo troppo “provinciale”?
    Lasciate un commento!

    Viv

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *